Coronavirus, le infezioni aumentano. Dati 10 marzo 2020. Ecco quante nuove morti e malati

Lunedì 9 marzo, il Primo Ministro Giuseppe Conte ha firmato il decreto annunciato in serata "misure più rigorose", che tutti i cittadini devono rispettare, da nord a sud, per contrastare l'avanzata del coronavirus. Ieri i numeri hanno fatto un nuovo balzo in avanti: i morti sono 463, altri 97 in sole 24 ore, i malati quasi 8.000, circa 1.600 in più.

"Siamo ben consapevoli di quanto sia difficile cambiare tutte le nostre abitudini", ha dichiarato Conte. “Ma non abbiamo più tempo: c'è una crescita importante delle infezioni e delle persone decedute. Quindi tutti dobbiamo rinunciare a qualcosa per il bene dell'Italia e dobbiamo farlo immediatamente ". La misura è entrata in vigore il 10 marzo e prevede un inasprimento (divieto di raduno in tutta Italia; il viaggio è possibile solo per motivi di lavoro, necessità o salute – è richiesta l'autocertificazione per i viaggi e "mentire è un crimine" – chiusura delle scuole fino al 3 aprile e arresto in tutti gli eventi sportivi) per evitare la diffusione di Covid 19. (Continua a leggere dopo la foto)

Martedì 10 marzo il nuovo bollettino, sempre più allarmante. Questi sono i dati aggiornati del monitoraggio sanitario relativi alla diffusione del Coronavirus sul territorio nazionale e comunicati in diretta durante la conferenza stampa alle 18:00. "168 persone sono morte di coronavirus tra le varie malattie". Questi sono i dati diffusi dal commissario straordinario per l'emergenza coronavirus Angelo Borrelli. "Ne abbiamo altri 280 dimessi e guariti", spiega.

"Voglio chiarire che le morti non sono" dovute al coronavirus ". Tra le varie patologie avevano anche il coronavirus. In Lombardia abbiamo 135 morti, 15 in Emilia Romagna, 6 in Veneto, 4 in Piemonte, 3 nelle Marche, 2 in Friuli, 1 in Abruzzo, Lazio e Liguria ", afferma Borrelli", il 2% dei defunti negli anni 50 -59 anni, 8% nella fascia 60-69, 32% nella fascia 70-79, 45% nella fascia 80-89%, 14% negli oltre 90 anni, "afferma, sottolineando che" i positivi oggi sono 529 ma l'aggiornamento della Lombardia non è completo. Il totale è 8514, di cui 5038 sono ricoverati in ospedale con sintomi mentre 2599 sono isolamento domestico. In terapia intensiva, 877 persone, pari al 10% dei positivi ".

Per far fronte all'emergenza, è essenziale rispettare le regole del governo e le nuove misure per combattere le infezioni da coronavirus. Pertanto, tutti i viaggi dovrebbero essere evitati, ad eccezione di quelli "motivati ​​da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità", inclusi i costi del cibo, le specifiche fonti di Palazzo Chigi o "viaggi per motivi di salute". Dato che l'appello è "rimanere a casa", al fine di spostarsi, sarà necessario mostrare un'autocertificazione sui motivi dei controlli, che deve ovviamente essere veritiera altrimenti il ​​cittadino sarà chiamato a rispondere in modo criminale. (Continua a leggere dopo la foto)

PADOVA 25ñ02-2020 BERGAMASCHI / FOSSELLA
EMERGENZA CORONA VIRUS – OSPEDALE DI PADOVA – TENDA DI PROTEZIONE CIVILE E FOTO DI MASCHERE E CENTRO DI BUFFER.
– EMERGENZA CORONA VIRUS – OSPEDALE DI PADOVA – TENDA DI PROTEZIONE CIVILE E FOTO DI MASCHERE E CENTRO DI BUFFER. – fotografo: BERGAMASCHI / FOSSELLA

La sospensione di scuole e università è estesa in tutta Italia fino al 3 aprile, prolungando così la chiusura fino a ieri fissata per il 15 marzo. Sono stati ordinati il ​​divieto di qualsiasi forma di riunione e la sospensione di eventi sportivi, incluso il campionato di calcio. La sospensione delle attività di cinema, teatri, pub, scuole di danza, sale giochi, sale scommesse e sale da bingo, discoteche e club simili si estende in tutto il paese. Anche gli impianti di risalita sono chiusi.

Le attività di ristorazione e bar sono consentite dalle 6.00 alle 18.00, con l'obbligo dell'operatore di stabilire le condizioni per garantire la possibilità di rispettare la distanza di sicurezza tra le persone di almeno un metro. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

Inoltre, sono sospese le attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri di nuoto, centri benessere, centri benessere (ad eccezione della fornitura di servizi che rientrano nei livelli essenziali di assistenza), centri culturali, centri sociali, centri ricreativi. I centri commerciali sono chiusi nei giorni festivi e nei giorni pre-festivi mentre la chiusura non è disponibile per farmacie, parafarmacie e punti vendita alimentari, il cui responsabile è chiamato a garantire il rispetto della distanza di sicurezza.

Coronavirus, Heather Parisi critica la raccolta fondi di Ferragnez. Ma il web non perdona e "distrugge"

L'articolo di Coronavirus , le infezioni aumentano. Dati 10 marzo 2020. Ecco quanti nuovi decessi e malati provengono dalla rivista Caffeina .

(Fonte: Articolo originale su Caffeina Magazine)

Commenta su Facebook

Babel Fish

Con l'ausilio di un Pesce di Babele, Babel Fish traduce in italiano articoli da noti blog intergalattici e - giammai soddisfatto - traduce dall'italiano al Vogon e poi di nuovo dal Vogon all'italiano articoli da noti blog italiani. I risultati delle lavoro di Babel Fish sono pubblicati su questo blog.