Ancora un altro anno di lotta contro una cattiva legge sul copyright: 2019 Year in Review

Ancora un altro anno di lotta contro una cattiva legge sul copyright: 2019 Year in Review

C'è sicuramente più che sufficiente spazio in questo mondo per le nuove leggi sul copyright che migliorerebbero la vita degli artisti e del loro pubblico. E poi c'è il Copyright Alternatives in Small-Claims Enforcement Act (CASE Act), una proposta che non aiuta gli artisti per i quali sostiene di essere e causerebbe molti danni agli utenti regolari di Internet. Eppure, nel 2019, il CASE Act non è stato solo introdotto di nuovo, è stato continuamente votato senza una sola seria conversazione sui suoi difetti.

In teoria, la legge CASE ha lo scopo di aiutare gli artisti di piccole e medie dimensioni a far valere i loro diritti d'autore senza le spese di andare in tribunale. In pratica, la legge CASE non funzionerà in questo modo.

Agire

Di 'al Senato di non mandare in fallimento gli utenti regolari di Internet

Ciò che la legge CASE fa è autorizzare l'Ufficio Copyright a creare un Comitato per le controversie di modesta entità che riceve e rivede i reclami sul copyright, invia notifiche ai presunti autori di reato e emette un giudizio. Se ricevi una delle comunicazioni dell'Ufficio Copyright, hai 60 giorni di tempo per “rinunciare” al consiglio di amministrazione, e quindi il denunciante può scegliere di portarti in tribunale. In caso contrario, dovrai difenderti dall'Ufficio del copyright. Se lo ignori, l'Ufficio Copyright può decidere di dover grosse somme di denaro per impostazione predefinita. E se sei coinvolto in questo sistema, avrai una capacità estremamente limitata di fare appello.

La legge CASE è apparsa molte volte negli ultimi anni, ma quest'anno è stata votata dopo votazione senza una sola audizione in cui i suoi difetti potevano essere risolti.

E non commettere errori, qualunque siano le sue buone intenzioni, il CASE Act è estremamente imperfetto.

Innanzitutto, il meccanismo di opt-out, anziché opt-in, non è così volontario come sembra . La legge CASE dichiara che la rinuncia deve avvenire per iscritto e “in conformità con le norme stabilite dal Registro dei diritti d'autore”. Ciò non promette che la rinuncia sarà un processo semplice, comprensibile a tutti. L'obiettivo del sistema è presumibilmente quello di spostare il maggior numero possibile di casi, l'Ufficio Copyright ha pochi incentivi per rendere la rinuncia equa ai rispondenti e facile da fare. In effetti, l'Ufficio Copyright tende a non emanare regolamenti di facile utilizzo, come dimostrato dalle sue esenzioni per la Sezione 1201 del DMCA.

Ciò significa che attori sofisticati – quelli che hanno maggiori probabilità di essere in grado di pagare e / o hanno veramente violato, quelli che gli artisti vogliono davvero in questo sistema – saranno in grado di assumere avvocati per rinunciare mentre gli utenti regolari di Internet potrebbero trovarsi di più su rischio.

In secondo luogo, un sistema che mette a rischio gli utenti regolari di Internet è un terreno fertile per i troll del copyright . I troll possono presentare reclami e contattare le persone che chiedono meno soldi di quanto il CASE Act autorizzi all'Ufficio del Copyright per costringerti a pagare (può arrivare fino a $ 30.000 per procedimento), e la paura del fallimento incoraggerà le persone ad accettare l'offerta di insediamento, indipendentemente da dei meriti reali del caso.

In terzo luogo, la legge CASE potrebbe raffreddare l'espressione protetta, proprio come ha fatto l'abuso del DMCA. Soprattutto dal momento che il CASE Act non coinvolge tribunali reali, dove le protezioni contro i troll e le tutele del fair use sono state combattute e vinte duramente.

Nulla di tutto ciò copre nemmeno il fatto che la legge CASE potrebbe non essere costituzionale , presenta modifiche sfavorevoli alle norme sul copyright e sottoponerebbe le persone a giudizi enormi e imprevedibili .

Nel 2019, senza un'audizione sul disegno di legge, la legge CASE è stata votata dal comitato giudiziario del Senato . Tale modello si è ripetuto con il comitato giudiziario della Camera , con l'ulteriore vantaggio del rappresentante Doug Collins della Georgia che rideva della necessità di discutere questo disegno di legge dicendo che il limite di $ 30.000 equivaleva a “crediti veramente piccoli”, anche se il reddito familiare medio era di $ 63.179 nel 2018 , facendo $ 30.000 quasi la metà di quel reddito.

Alla fine, in ottobre, la legge CASE ha approvato la Camera con un voto di 410-6, lasciando al Senato la difesa degli utenti di Internet respingendo la legge CASE.

Il 2019 ha visto ripetutamente il Congresso non prendere in considerazione le vere ramificazioni della legge CASE, optando per quella che sembra una soluzione semplice e veloce a un problema complicato e difficile. Invece di tenere audizioni e creare un disegno di legge che consentirebbe agli artisti di raccogliere da veri trasgressori e proteggere l'espressione online, la Camera ha approvato la legge CASE.

Ma questa lotta è tutt'altro che finita. Il FEP continuerà a difendere le tutele del fair use e contro i troll del copyright. E puoi far sentire la tua voce dicendo al Senato di votare contro il CASE Act.

Questo articolo fa parte della nostra serie Year in Review. Leggi altri articoli sulla lotta per i diritti digitali nel 2019.

DONARE A EFF

Ti piace quello che stai leggendo? Supporta oggi la difesa digitale della libertà!

(Articolo originale: EFF)

Commenta su Facebook

Babel Fish

Con l'ausilio di un Pesce di Babele, Babel Fish traduce in italiano articoli da noti blog intergalattici e - giammai soddisfatto - traduce dall'italiano al Vogon e poi di nuovo dal Vogon all'italiano articoli da noti blog italiani. I risultati delle lavoro di Babel Fish sono pubblicati su questo blog.