File FEP Commenti che criticano i regolamenti CCPA proposti

File FEP Commenti che criticano i regolamenti CCPA proposti

Oggi, EFF si è unito a una coalizione di sostenitori della privacy nel presentare commenti al Procuratore Generale della California in merito al suo processo di regolamentazione in corso per il California Consumer Privacy Act (CCPA) . Il CCPA è stato approvato nel 2018 ed è entrato in vigore il 1 ° gennaio 2020. Entro la fine dell'anno, il procuratore generale (AG) metterà a punto regolamenti che stabiliscono come sarà esattamente applicata la legge.

L'ultima volta che abbiamo tenuto conto , abbiamo definito i regolamenti proposti inizialmente dalla AG un “buon passo avanti”, ma li abbiamo incoraggiati ad andare oltre. Ora, siamo delusi dal fatto che gli ultimi regolamenti proposti siano, rispetto alla proposta iniziale dell'AG, in gran parte un passo indietro per la privacy.

Per iniziare, i regolamenti modificati riducono in modo improprio l'ambito del CCPA cercando di ritagliare determinati identificatori (come gli indirizzi IP) dalla definizione di “informazioni personali”. Ciò classifica le informazioni potenzialmente sensibili al di fuori della portata della legge e nega ai californiani il diritto di accedere, eliminare o rinunciare alla vendita di tali informazioni.

Inoltre, le nuove normative rendono più difficile per i consumatori esercitare il loro diritto di rinunciare alla vendita delle loro informazioni personali. L'icona di opt-out proposta, che le aziende dovranno visualizzare sui loro siti Web, è confusa; ricerche indipendenti hanno dimostrato che molti utenti non capiscono cosa significhi. Peggio ancora, le nuove normative prevedono che controlli automatici intuitivi come Do Not Track (DNT) non possono essere utilizzati per annullare la vendita di dati. Oggi, milioni di utenti in tutto il mondo usano DNT per segnalare la loro chiara intenzione di rinunciare alla raccolta, all'uso improprio, alla condivisione e alla vendita dei loro dati. Fino ad ora, poche aziende hanno scelto di onorare tale intento, ma la CCPA offre agli utenti le richieste di rinuncia alla vendita dei dati in forza della legge. L'AG dovrebbe assicurarsi che le imprese trattino segnali consolidati come DNT come un'opt-out dalla vendita dei propri dati.

La nostra lettera di coalizione dettaglia una serie di altre modifiche ai progetti di regolamenti originali che riducono le tutele dei consumatori. Esortiamo il procuratore generale a riconsiderare queste modifiche e ad assicurarci che il CCPA faccia ciò che dovrebbe: proteggere la privacy dei californiani.

Le altre sette organizzazioni sulla privacy che hanno aderito ai commenti della coalizione sono ACLU, Campaign for a Free Free Childhood, Common Sense Media, Consumer Federation of America, Media Alliance, Oakland Privacy e Privacy Rights Clearinghouse.

(Articolo originale: EFF)

Commenta su Facebook

Babel Fish

Con l'ausilio di un Pesce di Babele, Babel Fish traduce in italiano articoli da noti blog intergalattici e - giammai soddisfatto - traduce dall'italiano al Vogon e poi di nuovo dal Vogon all'italiano articoli da noti blog italiani. I risultati delle lavoro di Babel Fish sono pubblicati su questo blog.