La coalizione chiede al governatore della California Newsom di supportare la banda larga in fibra per tutti

La coalizione chiede al governatore della California Newsom di supportare la banda larga in fibra per tutti

La Electronic Frontier Foundation ha recentemente aderito a diversi ISP, aziende tecnologiche, organizzazioni non profit e governi locali con sede in California per lodare il Governatore Newsom per aver adottato una visione “Broadband for All”. Ma semplicemente dicendo “banda larga” senza un chiaro sguardo ai rischi futuri che le politiche del governo adottano piani infrastrutturali che funzionano a breve termine, ma che rimangono tristemente indietro mentre la domanda di dati continua ad aumentare. Al fine di garantire che il piano per la banda larga della California sia a prova di futuro, la coalizione ha chiesto al Governatore di concentrarsi sulle infrastrutture in fibra e adottare disposizioni di accesso aperto che garantiscano che le infrastrutture finanziate dallo stato possano essere utilizzate al massimo delle loro potenzialità.

Concentrarsi sulle infrastrutture della fibra oggi garantirà la politica statale che evita il “baratro della velocità” e affronta il divario digitale

EFF ha condotto ricerche approfondite sulle capacità future di varie tecnologie di accesso a banda larga che si collegano alle nostre case e attività. Queste connessioni “ultimo miglio” sono disponibili in molte forme come DSL su linea di rame, cavo coassiale, fibra ottica e opzioni wireless, comprese le imminenti reti 5G. L'evidenza è conclusiva che la fibra è il mezzo superiore per la trasmissione di dati, grazie alla sua bassa latenza, lunga durata e ai suoi mezzi economici per l'aggiornamento. Questi attributi indicano che è effettivamente un'infrastruttura a prova di futuro. Quando si tratta di velocità, il divario tra le tecnologie dell'ultimo miglio è così grande che dovrebbe essere indicato come “abisso della velocità”.

Eppure il programma a banda larga della California rimane tristemente fuori di data con la conclusione antiquata che DSL a banda larga in grado di soddisfare le esigenze 21 ° secolo. Non lascia praticamente alcuna capacità per il programma di supportare l'infrastruttura in fibra. E non ha in programma di garantire che la banda larga finanziata dallo stato sia in grado di essere aggiornata in futuro. Probabilmente, qualsiasi banda larga supportata oggi dal programma a un livello così basso fa semplicemente fallire le comunità, mentre corrono verso l'abisso della velocità mentre altre comunità con accesso in fibra marciano verso l'era multi-gigabit dell'accesso alla banda larga.

Le politiche di accesso aperto sono flessibili e portano grandi promesse

Il concetto di accesso aperto è diretto. L'infrastruttura in fibra ha un'enorme capacità di condividere l'infrastruttura con molti diversi tipi di utenti. Potrebbero essere altre società a banda larga (compresi gli ISP wireless), il cloud computing o anche attività scientifiche di nicchia come il rilevamento dei terremoti . Se lo stato investirà fondi dei contribuenti in qualsiasi tipo di infrastruttura, dovrebbe garantire che sia accessibile a più utenti. Tali politiche dovrebbero anche essere abbastanza flessibili da riflettere le esigenze finanziarie sul campo. Sviluppando capacità, lo stato può utilizzare l'infrastruttura per supportare gli usi che potrebbero venire in futuro e basarsi su di essa per favorire l'obiettivo di connettere tutti i residenti. In sostanza, questo è il modello in fibra di Utopia che si sta espandendo nello Utah, dove 11 governi locali si sono uniti per costruire fibra per tutti i loro residenti e consentire ai servizi privati ​​di sfruttare la capacità.

Non tutte le sfide relative alle infrastrutture in fibra ottica possono essere risolte con la stessa soluzione ad accesso aperto. In molte città, il divario digitale a banda larga è avvertito maggiormente dai quartieri a basso reddito e dalle comunità di colore che sono state aggirate dai vettori storici. Per porre rimedio a questo problema, New York City propone semplicemente di implementare la fibra ad accesso aperto nelle comunità trascurate per abbassare la barriera per le opzioni economiche da lanciare per soddisfare le loro esigenze. Nelle parti rurali dello stato, una soluzione ad accesso aperto potrebbe essere più limitata al supporto dei servizi wireless, poiché è probabile che la maggior parte della fornitura di servizi a banda larga provenga dagli sforzi della comunità locale. Ad esempio, le cooperative rurali hanno dimostrato di essere un mezzo strumentale per portare la fibra nei mercati rurali difficili da servire. Storicamente, queste entità erano il modo in cui le popolazioni rurali ottenevano il loro servizio elettrico e telefonico: la banda larga in fibra non è diversa, come una sfida infrastrutturale. Ancora meglio, purché tali linee di fibra siano accessibili, possono essere sfruttate dai fornitori di 5G che desiderano fornire servizi wireless complementari.

Con le giuste politiche, Gov. Newsom può essere un leader nel colmare il divario digitale e garantire connessioni veloci e affidabili per tutti i californiani. Apprezziamo il governatore per aver reso questa priorità. Il primo passo verso un vero piano “Broadband for All” sarebbe quello di garantire che i meccanismi di finanziamento che lo stato dispiega siano incentrati sulle infrastrutture in fibra e non sulle tecnologie del passato.

(Articolo originale: EFF)

Commenta su Facebook

Babel Fish

Con l'ausilio di un Pesce di Babele, Babel Fish traduce in italiano articoli da noti blog intergalattici e - giammai soddisfatto - traduce dall'italiano al Vogon e poi di nuovo dal Vogon all'italiano articoli da noti blog italiani. I risultati delle lavoro di Babel Fish sono pubblicati su questo blog.