Stupido brevetto del mese: un brevetto sull'uso di prove matematiche

Stupido brevetto del mese: un brevetto sull'uso di prove matematiche

In alcuni campi, i bug del software sono più del proverbiale dolore al collo. Quando il software deve garantire che un aereo atterri in sicurezza, o che un pacemaker continui a funzionare, non c'è spazio per errori.

L'idea che prove matematiche possano essere utilizzate per dimostrare che il software sia privo di errori è in circolazione dagli anni '70 , ed è conosciuta come “verifica formale”. Ma come molte tecnologie che alcuni visionari hanno visto arrivare, ci è voluto del tempo per svilupparsi. Negli ultimi anni, la potenza di calcolo è diventata abbastanza economica da consentire alla verifica formale di diventare pratica per più applicazioni software .

Sfortunatamente, il mese scorso, sul campo è stata inserita una chiave inglese, nella forma del brevetto statunitense n. 10.109.010 , che l'ufficio brevetti ha assegnato a una società con sede nel Regno Unito denominata Aesthetic Integration Ltd.

La rivendicazione 1 del brevetto descrive la creazione di “assiomi” matematici, dichiarazioni matematiche formali, che descrivono un forum di commercio computerizzato. Il metodo brevettato descrive quindi l'analisi, con un “sistema di valutazione del computer … gli assiomi matematici che descrivono il funzionamento del forum di negoziazione”. In altre parole, il brevetto descrive l'uso di prove formali per verificare gli errori in un “forum di commercio computerizzato”. verifica formale, applicata solo all'industria dei servizi finanziari.

Naturalmente, l'Integrazione Estetica non ha inventato la verifica formale, né l'azienda ha inventato l'idea di software che alimenta un “forum di trading”. La società ha apparentemente creato software che utilizza la verifica formale nello spazio dei servizi finanziari e che il software potrebbe essere perfettamente bene. Ma l'Ufficio Brevetti ha permesso alla società di brevettare un intero settore di verifica formale.

Per essere onesti, il brevetto 010 sembra riflettere alcune programmazioni avanzate e difficili per l'integrazione estetica. Ma ciò non significa che dovrebbe essere brevettabile. Considera la seguente analogia: non ci sono edifici di 50 piani a Cincinnati. Costruire un edificio di 50 piani a Cincinnati, e renderlo conforme agli standard di sicurezza sismica, sarebbe un duro lavoro. Occorrono molti ingegneri per applicare le tecniche esistenti per completare il progetto. Potresti scrivere un lungo documento che descrive quel processo, che potrebbe includere molti diagrammi e diagrammi complessi. Tuttavia, ciò non significa che una società che completa un progetto del genere dovrebbe quindi ottenere il monopolio su edifici alti a Cincinnati.

Integrazione estetica afferma di essere il primo ad applicare la verifica formale al software di trading. Se è vero, l'azienda può ottenere un vantaggio competitivo ben meritato essendo la prima in questo mercato. Ma non dovrebbe ottenere un monopolio ventennale semplicemente per l'applicazione di tecniche di programmazione che la società stessa ha descritto come parte di un “campo scientifico maturo ed efficace”.

In definitiva, il brevetto 010 riflette un problema più ampio con l'incapacità del Patent Office di applicare uno standard di ovvietà significativa alle domande di brevetto sul software. Abbiamo già spiegato che l'Ufficio Brevetti è fin troppo disposto a distribuire brevetti per l'utilizzo di tecniche conosciute in un particolare campo. I diagrammi di flusso e le girandole possono far sembrare nuovo un concetto quando non lo è, soprattutto quando il proprietario di un brevetto riempie la sua applicazione con un linguaggio oscuro e “brevettato”. Il Circuito Federale lo ha anche incoraggiato con il suo approccio iper-formalistico all'ovvietà. Il risultato finale è una corsa agli armamenti in cui le persone si affrettano a brevettare lo sviluppo del software di routine.

Come abbiamo già detto, i brevetti sono semplicemente inadatti al software . L'ufficio brevetti dovrebbe smettere di rilasciare brevetti sulla verifica formale o su altri processi software noti.

(Articolo originale: EFF)

Commenta su Facebook

Babel Fish

Con l'ausilio di un Pesce di Babele, Babel Fish traduce in italiano articoli da noti blog intergalattici e - giammai soddisfatto - traduce dall'italiano al Vogon e poi di nuovo dal Vogon all'italiano articoli da noti blog italiani. I risultati delle lavoro di Babel Fish sono pubblicati su questo blog.