Il lavoro non retribuito che il PIL non considera

di Marilyn Waring – Quando ero molto giovane, sono stato eletto al Parlamento della Nuova Zelanda. A quell'età, impari principalmente ascoltando le storie degli altri. Ricordo una donna che era stata ferita in un incidente nella fattoria e il tempo per il raccolto stava arrivando nella fattoria. E doveva essere sostituito da un pastore, da un tosatore, e inoltre, era ancora necessario qualcuno per gestire la famiglia e preparare il cibo per il gruppo di tosatori. Sua madre venne ad aiutarla in questo. Ma la famiglia non ha premiato la madre perché ha fatto ciò che le madri e i membri della famiglia pensavano che avrebbero dovuto fare. Qualche tempo fa, una società chiamata Gold Mines New Zealand ha richiesto una licenza per ricercare il nostro meraviglioso Monte Pirongia. È una montagna piena di straordinari ecosistemi, con foreste vergini e lussureggianti. Produceva ossigeno e assorbiva anidride carbonica, era un rifugio per le specie in via di estinzione e per le specie impollinatrici nell'area circostante le aziende agricole. La compagnia mineraria elaborò questo grande piano economico relativo alla quantità di denaro che si poteva ottenere dalle miniere nella nostra montagna, in merito alla crescita e allo sviluppo che si sarebbero visti nelle previsioni economiche della Nuova Zelanda, e rimanemmo soli con il significato di tutto. ciò che avevamo considerato di valore per la nostra montagna. Fortunatamente li abbiamo fermati. Poi mi sono ricordato di una donna con tre bambini sotto i cinque anni che si è presa cura dei suoi genitori anziani e nessuno sembrava pensare che a un certo punto avesse effettivamente bisogno di assistenza per i bambini, dal momento che non era sul libro paga di qualcuno. Da qui ha iniziato a emergere uno schema in tutte le storie che mi hanno raccontato.

Ho iniziato a farmi alcune domande cercando di trovare il fulcro di quel modello di valori che ha ispirato tutte queste storie. E l'ho scoperto in una formula economica chiamata “prodotto interno lordo”, o PIL. Molti di voi l'hanno già sentito. Molti di voi non hanno idea di cosa significhi effettivamente.

Le basi furono gettate nel 1953 da persone con formazione occidentale. Hanno stabilito un limite di produzione nella stesura di queste regole. Ciò che desideravano misurare era tutto ciò che comportava una transazione commerciale. Da un lato della linea, hanno preso in considerazione qualunque fosse uno scambio commerciale. Non importa se lo scambio è stato legale o illegale. Commercio nel mercato illegale di armi, droghe, specie in via di estinzione, traffico di persone. Tutto ciò fa la differenza nella crescita economica e tutto ciò conta. Oltre il confine della produzione, c'era questa straordinaria frase che il lavoro svolto dalle persone che chiamavano “produttori non primari” era, letteralmente “di scarso o nessun valore”.

Quindi ho pensato, vediamo quanti “produttori non primari” sono oggi. Nell'ultima settimana, quanti di voi hanno trasportato membri della propria famiglia o delle loro proprietà senza essere pagati? Quanti di voi hanno fatto un po 'di pulizia, usato un aspirapolvere, qualche spazzata o messo in ordine la cucina? Sì? Che ne dici di acquisti per i membri della tua famiglia? Cucinare? E ripulire dopo? Fare il bucato? Ferro?

Bene, secondo le regole dell'economia, questo è tempo libero. E le donne in gravidanza e che hanno avuto figli? Sì. Ora, mi dispiace dirlo, perché sarà stato un duro lavoro; ma poi eri improduttivo e alcuni di voi potrebbero aver allattato il bambino. Ora, nei conti nazionali della Nuova Zelanda, è qui che sono indicati i dati, in cui viene calcolato il PIL, il latte di bufala, oche, pecore e mucche ha un valore ma non il latte del seno. Qual è il miglior cibo del pianeta. Qual è il miglior investimento possibile per la salute e l'educazione future di quel bambino.

Ma per il PIL è irrilevante.

Tutte queste attività sono dalla parte sbagliata della linea di produzione. E qualcosa che è molto importante sapere su questa struttura contabile: sono chiamati “conti”, ma non esiste una colonna di debito. Vengono considerati solo gli scambi e tutto ciò che è necessario per la crescita.

Siamo a Christchurch, dove le persone hanno vissuto un disastro naturale devastante e poi si sono riprese. E da allora, si dice che la Nuova Zelanda abbia eccellenti cifre di crescita perché stiamo ricostruendo Christchurch. Nulla era stato dimenticato nel sistema dei conti nazionali per la perdita di vite umane, per la perdita di terra, la perdita di edifici, la perdita di spazi particolari. Ora, ti sembrerà ovvio che questa definizione di lavoro influisce sul nostro ambiente. Quando lo stiamo estraendo, quando lo deforestiamo, quando stiamo spazzando via il nostro ambiente, quando sfruttiamo le nostre risorse ittiche in modo eccessivo, legalmente o no, fintanto che è un commercio, per la crescita tutto va bene.

Lasciare da solo il nostro ambiente naturale, supportarlo, proteggerlo, sembra non contare nulla.

Cosa possiamo fare al riguardo? Ho scritto per la prima volta di questo problema 30 anni fa. Poi, nel 2008, a seguito della crisi finanziaria globale, il presidente della Francia Sarkozy ha chiesto a tre vincitori del premio Nobel per l'economia (Sen, Fitoussi e Stiglitz) di scoprire cosa avevo già scritto 30 anni prima! “Basarsi sul PIL pro capite, basandosi su questi dati sulla crescita , hanno detto, “non sembra essere il modo migliore per muoversi facendo politica pubblica”.

Vedi, per misurare il PIL, devi presumere che un certo tipo di produzione, o fornitura di servizi, o consumo, avvenga in uno stato-nazione, e sai dove succede. Ma migliaia di miliardi di dollari circolano nel mondo provenienti in piccola parte dal nostro Google, Facebook, Twitter, rubati attraverso vari paradisi fiscali, quindi quando siamo sul nostro computer e scarichiamo del software, non sappiamo dove sia stato prodotto, e francamente, nessuno sa dove siamo anche quando lo usiamo.

Questi paradisi fiscali distorcono il PIL a tal punto che circa tre anni fa l'Europa sembrava supplicare l'Irlanda: “Non pensiamo che tu stia segnalando correttamente”: l'anno successivo il loro PIL è cresciuto del 35%.

Tutto il lavoro che fai quando sei nel tuo tempo libero e sei “improduttivo”, possiamo misurarlo e possiamo misurarlo in sondaggi sull'uso del tempo. Quando consideriamo il tempo trascorso nel settore non retribuito, ciò che scopriamo, in quasi tutti i paesi in cui sono stato in grado di vedere i dati, è il singolo settore più grande dell'economia nazionale. Ad esempio, negli ultimi tre anni gli uffici statistici della Gran Bretagna hanno dichiarato che tutto quel lavoro non retribuito equivale alla produzione e al commercio nel Regno Unito.

In Australia, il primo settore dell'economia è l'assistenza all'infanzia non retribuita, mentre il secondo è il resto del lavoro non retribuito. Solo dopo le banche, i servizi assicurativi e di intermediazione finanziaria costituiscono la maggior parte dei settori di mercato. Proprio l'anno scorso, il premier dello stato australiano del Victoria ha affermato che la metà del PIL dello stato era, in effetti, il valore di tutto il lavoro non retribuito.

Ora, come decisore politico, non è possibile progettare buone politiche se non si vede il più grande settore dell'economia nazionale. Non si può presumere di sapere quali siano le esigenze. La mancanza di tempo non può essere identificata. Né soddisfare adeguatamente le esigenze più critiche.

Quindi con cosa possiamo sostituire il PIL? Il PIL ha molte altre questioni critiche, siamo d'accordo? Non stiamo agendo in modo tale da favorire il PIL.

Un gran numero di persone in tutto il mondo sta usando beni per la casa, le loro auto e case, invece di Uber o Airbnb. E non dovremmo essere in grado di utilizzare beni del settore autonomo per fare soldi nel settore commerciale. Questo è confusionario! E sono molto difficili da misurare. Gli economisti, quindi, non vogliono sapere cosa c'è che non va nel loro così importante PIL, e penso che abbiano così tanti problemi, che dovremmo semplicemente metterli in un angolo e continuare a pubblicare quella roba e non avvicinarci, in alcun modo , per rimanere con noi in questi colloqui sul capitale, i beni naturali e altri modi in cui possiamo colonizzare il resto della nostra vita.

Credo che l'uso del tempo sia la cosa più importante da includere in futuro. Ognuno di noi ha esattamente lo stesso importo. Se in futuro diventerà un fattore critico, avremo bisogno di un database affidabile, poiché con qualunque cosa sostituiamo il PIL, lo terremo per 50 anni, più o meno, e avremo bisogno di qualcosa di coerente e immutabile e che tutti capiscano, perché se tu metti i dati sull'uso del tempo di fronte a te, inizi immediatamente ad annuire. Puoi immediatamente iniziare a capire cosa significa.

Dobbiamo anche includere la qualità del nostro ambiente. Con il passare degli anni, siamo in grado di misurare meglio il grado della sua devastazione, per misurare quanto poco lo proteggiamo ancora. Tuttavia, con i cambiamenti climatici, non è necessario essere uno scienziato per vedere, ascoltare, sapere cosa sta succedendo sul nostro magnifico pianeta.

Gli economisti vogliono mettere in relazione tutto con una transazione monetaria, anche i dati sull'utilizzo del tempo, in modo che possano sempre determinare se il PIL aumenta o diminuisce. Quale non è un ottimo modo per procedere. E altri mi hanno detto: “Marylin, perché non è sufficiente utilizzare un sistema che includa tutto il lavoro non retribuito e la gestazione, il parto e l'allattamento al seno nel PIL”? C'è una risposta morale ed etica molto importante a questo, ed è che non voglio che le cose sulla terra di maggior valore, le cose che apprezzo di più, siano incluse in uno schema contabile che considera la guerra eccellente per la crescita . . Quindi d'ora in poi, qualunque cosa tu ascolti nelle notizie, non sarai al buio quando parleranno del PIL. Piuttosto, penserai: “So di cosa stanno parlando; e non è una buona cosa. “So che ci sono alternative e ho intenzione di passare il mio tempo a correggere le persone, parlando con loro di questo valore fondamentale, parlando con loro di quali potrebbero essere le alternative, dato che l'umanità e il nostro pianeta hanno bisogno di un'altra strada.

Tedx Tradotto da Federico MINELLE
Recensito da Nicoletta Pedrana

(Fonte: Articolo originale sul Blog di Beppe Grillo)

Commenta su Facebook

Babel Fish

Con l'ausilio di un Pesce di Babele, Babel Fish traduce in italiano articoli da noti blog intergalattici e - giammai soddisfatto - traduce dall'italiano al Vogon e poi di nuovo dal Vogon all'italiano articoli da noti blog italiani. I risultati delle lavoro di Babel Fish sono pubblicati su questo blog.