Penne al gorgonzola

di Beppe Grillo – Quando vince il World Pasta Championship, una giapponese, Keita Yuge, con piume di gorgonzola, deve prepararsi a cambiamenti radicali, monumentali: la storia non ha mai compatito la fuga, è tempo di smettere di gemiti e sospiri.

Il caos … ne sentiamo parlare ogni giorno, sui giornali: caos a 5 stelle, caos nel Partito Democratico, caos in parlamento, quello nella testa di Berlusconi e quello dei rifiuti, caos caos, caos.

Il termine più abusato dei nostri tempi … eppure è una parola che deriva dalla scienza, quella che studia il mondo naturale.

Sono un mucchio di cose che non possiamo sopportare, perché l'imprevedibilità ha a che fare con l'invecchiamento e tutte le forme di declino. Odiamo questo concetto così tanto che lo usiamo per insultare e non capire.

Ma non possiamo dipingere il mondo o dargli iniezioni di botox, non è sufficiente costruire alcuni chilometri di piste ciclabili quando miliardi di persone stanno arrivando alla loro personale rivoluzione industriale!

Che cosa hai da dirgli: no, niente di niente, stai lì a coltivare il riso?

Sono sfide epocali che non possono essere ridotte a chiacchiere transatlantiche, formare la nuova partita e giocare a spaccature è politica della politica!

Abbiamo ridotto il numero di persone privilegiate che corrono qua e là pensando ai loro culi mentre il mondo gira! Siamo partiti dall'assoluta necessità di una politica più dignitosa, che non era la rappresentazione dei meno privilegiati e oggi ci troviamo di fronte a uno scenario completamente cambiato. Miliardi di persone da una parte e un po 'di maldipancia dall'altra !!!

Di fronte alle grandi sfide globali, cosa vuoi che importi se qualcuno è incazzato perché ora siamo alleati del PD! È solo debolezza, è solo un pensiero rivolto ai propri piccoli negozi … è sufficiente una situazione di doveri sfavorevoli e siamo sottosopra!

Il caos non si ferma, ma può essere modulato, ma non è che se si scappa da Bonino qualcosa cambia.

Ci sono solo due scelte: fare coloro che giocano a carte e ascoltano l'orchestra mentre il Titanic occidentale affonda o vincere vecchie inimicizie creando altrettante nuove imprevedibili consapevolezza.

Stare con il tamarri, rigido a pensare in mezzo al naso, pieno di rancore come i ragazzini che alcuni uomini neri vogliono rubare i giocattoli significa irrigidirsi di fronte a uno tsunami.

Allontanarsi da quel gruppo di boeri era un segno di plasticità: nel nostro parlamento può succedere di tutto, persino un'epidemia di gastroenterite che renderà felici gli idraulici e le società di drenaggio, ma nulla cambierà. Potremmo persino sparire se non vogliamo essere all'altezza di queste nuove sfide.

Non propongo raffinate strategie politiche per alimentare i graditi ospiti dei talk show, siamo riusciti a portare in Italia un presidente del consiglio che non sembra sbilanciato con vizi non menzionabili. Puoi decidere quale è troppo per noi e lanciare bucce di banana sul suo percorso o metterlo fianco a fianco. L'alternativa? Annegando ripetendo che vuoi l'Ialia del si o ballando la tarantella con Renzi che rende il Vono, il mondo si sente più allegro … continuerà a cambiare lo stesso.
Quando un giapponese, con penne al gorgonzola, vince il World Pasta Championship, dobbiamo prepararci a cambiamenti radicali, monumentali: la storia non ha mai compatito la fuga.

(Fonte: Articolo originale sul Blog di Beppe Grillo)

Commenta su Facebook

Babel Fish

Con l'ausilio di un Pesce di Babele, Babel Fish traduce in italiano articoli da noti blog intergalattici e - giammai soddisfatto - traduce dall'italiano al Vogon e poi di nuovo dal Vogon all'italiano articoli da noti blog italiani. I risultati delle lavoro di Babel Fish sono pubblicati su questo blog.