Come fermare video pornoricatto (sextortion) su Youtube

Forse è solo un caso, ma negli ultimi giorni ho ricevuto una nuova raffica di richieste di aiuto per i video intimi di ricatto, quindi è meglio parlare in pubblico.

A differenza dell'allarme falso causato dalla posta diffusa che faceva finta di aver registrato la vittima attraverso la sua webcam durante un intimo momento di contemplazione dei video online, nei casi in cui è stato segnalato un video intimo esiste davvero e i ricattatori minacciano di pubblicarlo se la vittima non lo fa pagare. È la cosiddetta sextortion , descritta in dettaglio per esempio in questo documento dalla polizia federale .

Lo schema di truffa è quello classico: la vittima incontra online una persona attraente e disponibile che propone una sessione di intimità reciproca in video con Skype o simili. La persona risulta quindi essere un ricattatore che registra le prestazioni della vittima e chiede denaro per non diffondere la registrazione agli amici della vittima. Il criminale sa chi sono questi amici perché ha trovato i loro indirizzi sulla lista pubblica su Facebook, per esempio.

Ovviamente dovremmo pensarci due volte prima di esibirci così intimamente di fronte agli estranei, ma lascia stare. Il problema che mi è successo in questi giorni è che il problema era già stato fatto.

In casi come questi ci sono fondamentalmente due cose da fare. Il primo è assolutamente da non pagare: chi paga non fa altro che confermare i truffatori che sono vulnerabili e quindi si espone al rischio che gli venga chiesto più denaro. Non ci si può fidare delle loro promesse di cancellare il video o di non pubblicarlo: sono criminali, mentire è il loro lavoro.

Il secondo sta provando a bloccare il video. Di solito i ricattatori forniscono alla vittima un link a una copia della registrazione intima che è stata caricata da loro su Youtube senza renderla pubblica (solo coloro che sanno che il link può vederlo).

Se incontri una situazione come questa, quando ricevi il link al video su Youtube contatta subito Youtube per chiedere di rimuoverlo e bloccare l'account dei ricattatori.

La procedura è questa :

  1. Da un computer, vai al video in questione e fai clic sui tre punti in basso a destra dello schermo sotto il video; dallo smartphone, nell'app YouTube, avvia il video, tocca lo schermo e poi fai clic sui tre punti che appaiono.
  2. Scegli Report e poi l'elemento Contenuto di natura sessuale e poi l'opzione Contenuti che coinvolgono minori (se sei minorenne) o Altri contenuti di natura sessuale . Nella casella che appare, scrivi una breve descrizione, preferibilmente in inglese (qualcosa come This is me in the video.) Sono stato registrato contro la mia volontà . Assicuratevi di menzionare la parola sextortion. Infine fai clic su Segnala .
  3. Invia un reclamo sulla privacy a YouTube compilando questa pagina .
  4. Utilizzare anche questa pagina di richiesta di rimozione , utilizzando la voce sulla privacy .
  5. Aspetta pazientemente: il tuo video verrà esaminato e quasi certamente rimosso, poiché viola seriamente le regole di YouTube , come spiegato qui : "YouTube ha una politica di tolleranza zero verso l'estorsione e / o il ricatto. Se qualcuno ha registrato un video di sesso che ti vede come protagonista e ha diffuso il link, segnalare immediatamente il contenuto in questione in modo che vengano rimossi e contattare la polizia. "
  6. Contatta la polizia, se puoi, fornendo in particolare il link al video, in modo che possano anche riferire in modo autorevole.

Puoi tenere d'occhio lo stato e la cronologia dei tuoi rapporti su questa pagina Youtube , visibile solo a te e spiegata in dettaglio qui . Ulteriori informazioni sono disponibili nella pagina delle Linee guida sulla privacy di YouTube .

Funziona? Non posso dare garanzie assolute, ma finora nei casi in cui ho gestito il video è stato sempre rimosso prontamente e la vittima non ha avuto altre conseguenze.

Commenta su Facebook

Babel Fish

Con l'ausilio di un Pesce di Babele, Babel Fish traduce in italiano articoli da noti blog intergalattici e - giammai soddisfatto - traduce dall'italiano al Vogon e poi di nuovo dal Vogon all'italiano articoli da noti blog italiani. I risultati delle lavoro di Babel Fish sono pubblicati su questo blog.