Limita i tempi di gioco su iPhone, iPad e dispositivi Android

Credito: Google .

Qualsiasi giocatore, anche un adulto, sa che mentre giochi, perdi completamente la cognizione del tempo. I genitori dei giocatori sono spesso costretti a interrompere le sessioni di gioco dei loro figli, che non si accorgono del tempo che trascorrono incollati allo schermo di Fortnite e simili, trascurando tutto il resto.

Per coloro che hanno un iPhone o un iPad recente o aggiornato, ci sono fortunatamente soluzioni integrate, come Time of Use (nella sezione Impostazioni ), che consentono di definire una fascia oraria e un limite di tempo applicabile a tutti i giochi. Questa impostazione può essere bloccata da un PIN e può anche essere estesa a tutti i dispositivi della famiglia Apple.

Il tempo di utilizzo ha anche il grande vantaggio di registrare quanto tempo è trascorso in ogni app, così da provare ai bambini che sono passate davvero quattro ore da quando hanno detto "Smetterò in cinque minuti" . I bambini saranno in grado di ripetere chiedendo ai genitori di dire quanto tempo hanno trascorso sul loro Facebook e Whatsapp.

Il percorso è questo: vai all'app Impostazioni , scegli Tempo di utilizzo – Usa il codice "Tempo di utilizzo" e imposta un PIN. In Usa, puoi decidere di bloccare il dispositivo (tranne le chiamate e le app consentite) per la fascia oraria definita. Nell'app Limitazioni scegli Aggiungi restrizione di utilizzo – Giochi – Aggiungi e imposta l'ora giornaliera fissa o un'ora diversa per ogni giorno.

Per coloro che hanno Android, invece, esiste la possibilità di installare l'app Google Family Link , che funziona in modo simile, come descritto in dettaglio qui e qui sul sito di Google.

Commenta su Facebook

Babel Fish

Con l'ausilio di un Pesce di Babele, Babel Fish traduce in italiano articoli da noti blog intergalattici e - giammai soddisfatto - traduce dall'italiano al Vogon e poi di nuovo dal Vogon all'italiano articoli da noti blog italiani. I risultati delle lavoro di Babel Fish sono pubblicati su questo blog.